Condizioni ottimali di innevamento e funzionalità impianti in Valle d'Aosta

Ultimi articoli
Newsletter

Aosta | dal capoluogo in ogni direzione

Condizioni ottimali di innevamento e
funzionalità impianti in Valle d'Aosta

In tutte le località neve più che sufficiente e piste aperte ovunque

di Aldo Carpineti

Catena del Monte Bianco, inverno 1958
Catena del Monte Bianco, inverno 1958

In termini di centimetri di neve al suolo Cervinia è, come spesso avviene per la altitudine del luogo, in posizione di evidenza. Al Breuil anche 140 centimetri e tanti chilometri di piste da percorrere.

Mamma con slittino, Courmayeur 1958
Mamma con slittino, Courmayeur 1958

Ma le altre stazioni sciistiche non rimangono indietro. Per Natale in Valle d'Aosta si scia dappertutto. Chiunque disponga di un appoggio logistico fra i monti valdostani può partire sapendo di poter sciare ovunque sia diretto. 

Vetta Monte Bianco, 1958
Vetta Monte Bianco, 1958

Hotel ricettivi al massimo in questa stagione, ed attenti ad ogni particolare che possa assicurare accoglienza adeguata e soggiorno di massima soddisfazione. Non capita tutti gli anni di avere la neve a Natale. Un'abitudine 50 anni fa, oggi il riscaldamento atmosferico e precipitazioni ovunque meno frequenti hanno fatto sì che, negli ultimi anni, le nevicate in questo peroiodo fossero di intensità minore ed a volte non presenti.

Le mie prime sciate, 1958
Le mie prime sciate, 1958

Quest'anno temperature ovunque più basse soprattutto nelle ore notturne e precipitazioni non violente ma di una certa continuità consentono agli appassionati di fruire di piste innevate e curate secondo le migliori modalità tecniche. Una gioia per chi possa usufruire di queste opportunità, valenze economiche di grande segno per gli operatori turistici, le società che gestiscono gli impenti di risalita e tutto il contesto alpino inteso in senso indifferenziato. La circolazione di maggiore valuta, creare valore economico rappresenta certamente benessere generalizzato in queste zone. Sia per chi dell'economia sia parte attiva sia per gli altri che vivano in queste zone privilegiate, ed infine anche e soprattutto per chi faccia della montagna propria meta di turismo, contatto con l'ambiente, sport, socializzazione. 

Zia e cugina fra montagne di neve, 1958
Zia e cugina fra montagne di neve, 1958

Troppo presto per dire se questo inverno freddo precocemente rispetto al passato sia una inversione di tendenza sui climi ricorrenti negli ultimi anni. Bisognerà nele stagioni a venire ritrovare confermate condizioni climatiche per avere risposte utili. Intanto ben venga questo momento di freddo salutare, di inverno secondo i canoni migliori, anche fose soltanto un episodio (ma auguriamoci che non sia!) varrebbe come interruzione di una continuità precedente assai preoccupante. Il che conferma che la Natura difficilmente tradisce definitivamente. 

La Montagna è gioia e salute, valorizziamola in qualsiasi modo sia possibile.

(cliccare sulle foto per ingrandirle)

Venerdì 23 dicembre 2022

© Riproduzione riservata

211 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: