Il Colle del Gran San Bernardo un paesaggio lunare a quasi 2.500 metri e mille significati

Ultimi articoli
Newsletter

un mondo di tradizioni e antiche presenze

Il Colle del Gran San Bernardo un paesaggio
lunare a quasi 2.500 metri e mille significati

Non sempre raggiungibile in inverno per le condizioni dell'innevamento

di Aldo Carpineti

La vetta del Gran Combin nella zona del Gran San Bernardo
La vetta del Gran Combin nella zona del Gran San Bernardo

Vi si arriva percorrendo una strada lunga e tortuosa, nell'ultimo tratto coperta, che parte da zone centrali della città di Aosta e incontra i villaggi caratteristicamente valdostani di Etroubles (1270 m) e Saint Oyen (1375 m). 

Con Gigi e Mamma al Gran San Bernardo
Con Gigi e Mamma al Gran San Bernardo

Sul valico realtà presenti e ricordi storici antichi legati a diverse motivazioni. Il Museo dell'Ospizio oggi dedicato soprattutto all'allevamento dei classici cani di grande taglia e corporatura massiccia, il manto pezzato, che per tradizione rappresentano un ausilio nelle operazioni di soccorso ai dispersi in montagna. Altrettanto originale la fiaschetta della grappa al collo di ogni esemplare, antico rimedio contro il freddo a volte intensissimo delle zone.

Nonna al Gran San Bernardo, con statua del Santo
Nonna al Gran San Bernardo, con statua del Santo

Il lago naturale, esteso su un perimetro vasto quanto mai per l'altitudine che difficilmente consente larghezze con specchi d'acqua così dimensionati. Nell'inverno l'acqua si presenta spesso ghiacciata e può capitare che il Colle non sia raggiungibile per le condizioni di innevamento. 

Con Gigi e Papà al Gran San Bernardo, sullo sfondo il lago e a destra il Museo Ospizio
Con Gigi e Papà al Gran San Bernardo, sullo sfondo il lago e a destra il Museo Ospizio

L'aspetto stesso dell'ambiente ben oltre i 2.000 metri di altitudine, e perciò completamente privo di pini, abeti ed ogni altra vegetazione di alto fusto. Un silenzio incredibile per i nostri tempi, da lontano non infrequenti scampanii di mucche al pascolo, cani pastore che scorrazzano intorno alla mandria per mantenere unito il gruppo. La statua del Santo, visibile da ogni parte, caratterizzazione di grande presenza.

Napoleone di Jacques Louis David
Napoleone di Jacques Louis David

Al di là la discesa su Bourg Saint Pierre in territorio svizzero ed il raggiungimento della cittadina di Martigny e, verso est, delle vallate elvetiche di Zermatt e Saas Fee borghi immediatamente sotto il Cervino (Matterhorn in lingua locale). Località di turismo tradizionalmente elegante con Cran sur Sierre meta di villeggianti italiani amanti delle frequentazioni di élite. I formaggi fusi come caratteristica gastronomica spesso accompagnati da patate bollite senza condimento di olio. Verso ovest le splendide armonie del lago di Ginevra.

Testimonianza(successiva) del passaggio di Napoleone
Testimonianza(successiva) del passaggio di Napoleone

Ai 2.500 metri del Gran San Bernardo presenti le tracce del passaggio delle truppe di Napoleone Bonaparte che da qui scesero in occasione della seconda campagna d'Italia ed una targa in ricordo. Un esercito di 40.000 uomini che portava con sé armi anche di enorme peso, calibro e dimensioni. Da immaginare l'effetto sulle popolazioni contadine dell'epoca in versante italiano che certo non andarono esenti da episodi di razzie e altri inconvenienti di non poco conto. Nel Museo di Aosta è conservato un celebre dipinto di Jacques Louis David, lo stesso pittore che dipinse Marat pugnalato nella vasca da bagno (dipinto conservato nel Museo di Bruxelles). 

Papà e Mamma verso la montagna
Papà e Mamma verso la montagna

Molto più recentemente la storia sportiva, quella del ciclismo in particolare, registrava qui, nel 1959, una memorabile vittoria del lussemburghese Charly Gaul al termine di una tappa massacrante del Giro d'Italia che prevedeva anche la scalata del Piccolo San Bernardo e relativa discesa su La Thuile. Al traguardo, posto proprio sul valico, Gaul precedette l'eterno rivale Jacques Anquetil, francese di Normandia, infliggendogli un distacco incolmabile. Il giorno dopo il lusemburghese coronava il successo finale a Milano, vantando in classifica un distacco di 6 minuti e 12 secondi sul francese e 6 minuti e 16 secondi sul nostro Diego Ronchini, ottimo terzo. 

Charly Gaul
Charly Gaul

Lo scenario, sia d'estate sia d'inverno, non è dei più usuali. Grandemente suggestivo per un insieme di componenti ognuna rilevante per sé è tuttavia molto attraente nella visione d'insieme, la grande teatralità del luogo e la sua vasta estensione in altitudine pressoché uniforme, caratterizzazione dominante è la pace sovrana che vi regna, il senso del tempo che si ferma e che dà spazio al pensiero ed alla contemplazione. 

(cliccare sulle foto per ingrandirle)

Martedì 27 dicembre 2022

© Riproduzione riservata

421 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: