Ma in fondo che è questo bicchiere mezzo pieno e l'altro mezzo anche?

Ultimi articoli
Newsletter

Aosta | le ragioni delle scelte

Ma in fondo che è questo bicchiere
mezzo pieno e l'altro mezzo anche?

Ponderare bene prima di agire, poi consapevolezza e determinazione

di Aldo Carpineti

Aosta storica, le vestigia romane, pluralità di motivazioni in termini di tempo... cronologico
Aosta storica, le vestigia romane, pluralità di motivazioni in termini di tempo... cronologico
Aosta pittoresca... anche qui c'è il bello e truoo
Aosta pittoresca... anche qui c'è il bello e truoo

C'è sempre una ragione ad una scelta. Se si è agito secondo logica questa ragione è l'ultima, nel senso che non è stata scartata, ha resistito a tutte le altre e su di esse ha finito per prevalere. Ma è anche la prima, in termini qualitativi, quella che, per forza di cose, essendo la preferibile (e quindi prima nella graduatoria delle utilità) doveva arrivare fino in fondo. Stessa logica delle selezioni per assunzione di nuovo personale in azienda. 

Molte cose coincidono. Altre trovano motivi per diversificarsi. In un contesto numeroso di variabili tale fenomeno è tanto più evidente. Che cosa possa essere il bicchiere mezzo pieno ha risoluzione intuitiva o quasi. Il mondo riserva a me - ognuno di noi pensa - le soluzioni del caso su ogni problematica. La mia attitudine al problem solving, e soltanto la mia, la conoscenza autentica della situazione mi aiuta nel percorso della vita ed in quello del miglioramento... ascolto tutti, ma poi decido da me.

Vero, saper decidere da sé è gran cosa. Autonomia anzitutto, sotto ogni punto di vista. Eppure ormai urge spiegazione all'altro mezzo bicchiere, pieno anch'esso. E che cosa potrebbe essere se non il mondo esterno, quello degli altri... al quale le decisioni non vanno lasciate ma che va ascoltato ed osservato perché propone continuamente interpretazioni della realtà diverse dalle nostre, allargando il ventaglio delle proposte risolutive ai nostri problemi. In termini numerici, forse economici... finanziari... contabili.

In questo procedere, ci si aiuta come si può, tutti i modi se tendenti alla soluzione - sono un genovese con le profondità dei genovesi - possono avere contenuti qualificati e pregni di significati, la capacità di scelta distingue l'argonauta dal naufrago, anche navigando a basso regime di funzionamento della bussola. 

E può persino succedere che gli altri ti diano altresì le soluzioni, quando tu abbia raggiunto i tuoi limiti del momento o quelli della tua personale oggettività. Nuove idee, proposte, alternative ma anche vere e proprie sortite dai problemi quando non sappiamo proprio più che pesci pigliare con le nostre forze e conoscenze e lasciamo che siano gli altri a fare e dirigere. E qui, manco a dirlo, il criterio personale varrà a scegliere la soluzione migliore fra quelle altrui. Che però rimarrà altrui. 

Il mondo della Scelta è perciò articolato e complesso, e presenta mille punti di vista. Intuito, esperienza, a volte sangue freddo, determinazione, tempi giusti... volendo racchiudere in una parola... consapevolezza. Molto vicino ad essere adatto, ma anche a questo termine manca qualcosina. Chi dice perfetto, al termine di considerazioni proprie o altrui, fa un discorso banale e squalificante. A volte anche conclusivo di tutto un procedimento condotto precedentemente al meglio. C'è sempre una prossima volta, abbia o no connotati già visti in precedenza.

Martedì 8 novembre 2022

© Riproduzione riservata

224 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: